Baccalà in pastella Stampa
ricette - Da vecchi libri di cucina

Baccalà in pastella

800 gr di baccalà ammollato, 250 gr di farina 00, 25 gr di lievito di birra, acqua tiepida, olio, sale, pepe.

Lavate sotto l'acqua corrente il baccalà per dissalarlo; quindi, fatelo sbollentare, per un paio di minuti, in acqua bollente non salata; poi, disponetelo su un canovaccio da cucina, privatelo della pelle e delle spine e lasciatelo riposare ed asciugare per almeno un paio di ore. Appena sarà completamente freddo, tagliatelo in tocchetti e tenetelo da parte. Sciogliete il lievito di birra in mezzo bicchiere di acqua tiepida. In una ciotola setacciate la farina e unite il lievito di birra sciolto in acqua e un pizzico di sale; quindi, amalgamate accuratamente con un cucchiaio di legno o meglio ancora, con le mani facendo attenzione a che non si formino grumi. La consistenza del composto dovrà essere semifluida. Se, invece, dovesse risultare troppo denso, diluite con qualche altro cucchiaio di acqua tiepida. Quando la pastella sarà pronta, mettete sul fuoco una padella con olio d’oliva o di semi di arachidi, fate scaldare ben bene e quando sarà pronto intingete i tocchetti di baccalà nella pastella, buttateli nell’olio caldo e fateli dorare da un lato e dall’altro; quindi, scolateli su della carta assorbente. A questo punto, disponete il baccalà in pastella su un piatto da portata, salate e servite.