800 g di sarde, 150 g di pangrattato, 1 cucchiaino di zucchero, 60 g di passolina, 60 g di pinoli, 1 mazzetto di  prezzemolo il succo di un'arancia, sale, pepe, olio extravergine d'oliva, foglie di alloro.

Desquamatele, togliete le interiora e aprite le sarde a libro, lasciando la codina. Lavatele con cura e tamponate con carta da cucina, posizionando le sarde sopra a un tagliere in modo ordinato. In una padella tostate il pangrattato con l'olio e un pizzico di sale: nel farlo, mescolate sempre, o il pangrattato rischia di attaccarsi alla padella. Trasferite il pangrattato in una ciotola capiente e aggiungete il cucchiaino di zucchero, l'uvetta precedentemente fatta ammollare in acqua tiepida per 30 minuti, i pinoli, il prezzemolo tritato e del pepe a piacere. Mescolate bene il tutto. Se il composto dovesse risultare slegato, aggiungete un po' di acqua. A questo punto farcite le sarde: mettete una noce di ripieno alla base dalla sarda, dalla parte dove c'era la testa e arrotolatelo, lasciando in vista la codina. Man mano che realizzate gli "involtini" disponeteli in una pirofila da forno. Procedete fino a esaurimento delle sarde. Alternate gli involtini di sarde con delle foglie d'alloro (se sono troppo grandi tagliatele a metà), inserite tra una fila e l'altra. Versate il succo d'arancia e completate con un giro d'olio. Se vi è avanzato del ripieno potete cospargerlo sulla superficie. Infornate a 180° per 15-20 minuti. Togliete dal forno: le sarde a beccafico sono pronte per essere servite. 
 
 

8 Peperoni rossi gialli e verdi, 80 g di pecorino grattugiato, 2 cucchiai di capperi sott’olio, 3 cucchiai di mollica di pane, origano, olio extravergine d'oliva, sale. 

Dividete i peperoni a metà ed eliminate semi e filamenti e tagliateli in falde. In un tegame scaldate tre cucchiai d’olio, aggiungete i peperoni e cuoceteli per 20/25 minuti: il tempo necessario per ammorbidirsi leggermente. Cospargeteli con la mollica di pane raffermo e poi con il pecorino, i capperi sgocciolati e un pizzico di origano. Girate di tanto in tanto e cuocete altri 15 minuti. Se necessario, spruzzateli con poca acqua calda. A fine cottura regolate di sale e cospargete a piacere con dell'altro origano: i peperoni ammollicati sono pronti per essere serviti. 

600 gr di spaghetti, 4 pomodori grossi e maturi, 4 spicchi d'aglio, pecorino grattugiato, foglie di basilico, olio extravergine di oliva, sale e pepe. 

Spellare i pomodori e privarli dei semi. Tagliare i pomodori a pezzetti avendo cura di non disperdere il succo. Versare in una ciotola e condire il pomodoro con l’aglio spellato e tagliuzzato finemente, le foglie di basilico, olio abbondante, sale e pepe. In una pentola portare l’acqua ad ebollizione, versare la pasta, salare e lasciare cuocere per il tempo indicato sulla confezione mescolando di tanto in tanto. A cottura ultimata scolare la pasta e condirla con il pomodoro preparato precedentemente. Spolverizzate abbondante pecorino.